Una cena speciale

A forza di pensare il tempo è volato via, tanto da non rendermene conto. Guardo l’orologio e mi accorgo che si è fatto veramente tardi. Allungo il passo per arrivare in tempo e intanto inizia pure a piovere, la mia solita fortuna che mi assiste. Prendo il telefono e provo a mandare un messaggio a Chiara per dirgli che tarderò una manciata di minuti, inutile a dirlo, la batteria è al 2% e come apro la schermata, il cellulare si spegne e mi abbandona. Panico.

Accelero ancora di più, poi, mi fermo un attimo e rifletto. Meglio che il telefono si sia spento, e vada pure per un po’ di ritardo. Modero un po’ il passo per non arrivare stanca e con il fiatone, assumo un atteggiamento rilassato e superiore, anche se devo ammettere che il pensiero di non trovarla mi agita non poco.

Mancano poco più di due isolati, sono quasi arrivata. Faccio mente locale, provo a pianificare una strategia su come comportarmi e cosa dire. Ho paura che traspiri la mia innaturalezza ma stavolta, in questa circostanza, credo proprio che non riuscirò ad essere me stessa.

Giro l’angolo, riesco a scorgere la sagoma di Chiara da lontano. E’ lei, non c’è dubbio. In una mano ha il telefono e nell’altra tiene la sigaretta.

-Hei !!   ‘’grido’’

Lei mi vede, io la saluto con la mano. Fa un saltello che ha proprio l’aria di essere una manifestazione di gioia. Viene verso di me, mi offre riparo con il suo ombrello e mi scorta galantemente fino all’entrata del ristorante. Appena entriamo, la cameriera ci accoglie e facendo cenno di seguirla, ci accompagna fino al tavolo che Chiara ha scrupolosamente prenotato.

Il tavolo si trova nell’angolo più carino del ristorante, riparato dietro a un separè foderato di velluto blu notte e illuminato da un piccolo lampioncino. Sopra al tavolo vi è una piccola candelina dalla flebile fiamma che, insieme alla luce tenue del lampioncino, conferisce un’atmosfera intima e romantica.

.       –Come va?

–Tutto ok, ‘’le rispondo ‘’

–giornata un po’ pesante ma sono sopravvissuta. E tu?

.       –Proprio non ti saprei dire, ho avuto la testa fra le nuvole tutto il giorno, poi a lavoro non si finiva più…

‘’Siamo sulla stessa barca’’ penso tra me e me e accennando un leggero sorriso senza rendermene conto.

.       –A cosa pensi?

-Penso che ho una fame che non ci vedo più

Chiara scoppia in una risata e rompe il ghiaccio passandomi il menù. Allungo la mano per afferrarlo e per un attimo ci guardiamo negli occhi. Dio, com’è bella, sembra un’altra persona. A volte ha l’aria di una bambina ingenua. Lo sguardo luminoso di chi per la prima volta sta vivendo un sogno. Forse tutta questa improvvisa luminosità è il frutto di ciò che sta accadendo tra noi.

Di tanto in tanto, tra una parola e una risata, Chiara mi scruta più attentamente, come a cercare di scorgere il mio io più profondo. Da certe sue movenze e da alcune cose che dice capisco che è ancora un po’ diffidente e che non vuole illudersi. E’ palese che non abbia la minima idea di come ho trascorso questa giornata e di quanto intensamente ho pensato a lei.

.       –Marika ! Ci sei?

-Scusate ero un po’ sovrappensiero

-cosa vi polto da bele?

-un’acqua leggermente frizzante.

.       –sei tornata tra noi?    ‘’esclama Chiara sorridendo divertita’’

-perdonami, pensavo alla lezione di oggi e a come preparare l’esame.

.       –tranquilla, poi se vuoi ti aiuto io a studiare

-che tesoro, come farei senza di te?

Mi sono salvata in corner, crede davvero che sia l’università la mia preoccupazione. Vorrei tanto dirglielo che non è così, ma non posso confessargli che mentre sto con lei penso ai nostri corpi che si avvinghiano, almeno non così presto…

eternal love

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...